Sport

È in programma un Corso base di Nordic walking con il maestro/istruttore federale Mara Fullin della Nuova Virtus di Cesena. Si terrà in due mezze giornate: domenica 4 febbraio e domenica 11 febbraio.

Nella mattinata di oggi una delegazione composta da otto consiglieri del Consorzio Romagna Iniziative è stata invitata a Roma, presso la sede Coni. Il presidente Giovanni Malagò ha assegnato un riconoscimento al merito per le attività e i progetti sportivi promossi da 21 anni sul territorio romagnolo.

Un buon Cesena continua la sua marcia verso la promozione.

Buoni tempi nella celebre gara di corsa, tenutasi domenica scorsa, per il sottosegretario Sandro Gozi (originario di Sogliano al Rubicone) e il mercatese Filippo Braschi.

Nelle pagine di sport del quotidiano nazionale "Avvenire" in edicola oggi, all'interno di un approfondimento dedicato a tre donne sportive, si trova un'intervista a Mara Fullin. Veneziana d'origine e cesenate d'adozione, la Fullin è maestro federale di nordic walking e allenatrice di basket. Ne emerge un ritratto a tutto tondo di donna e di sportiva, di mamma e di moglie.

Cervia, la conferma più bella, pronta, magicamente presente, con uno splendido sorriso, capace di lasciarsi rapire, trapassare da un onda emozionale in grado di trasferire vita, passione oltre a una cultura sportiva maiuscola in ogni sua piccola parte. Siamo all'Ironman 2017. Di seguito l'appassionante racconto di uno sportivo molto noto a Cesena

Molti ragazzi, intorno al loro diciottesimo anno di età, sono costretti a prendere decisioni importanti: dare più importanza alla scuola o allo sport? Frequentare un'università o trovarsi un lavoro? Lasciare la propria città o rimanerci? Siamo stati a colloquio con Andrea Venturini, giovane classe '96 di Gambettola, ora in forza al Ravenna (Serie C)

La settimana prima della gara si era riempita di tanti impegni lavorativi, con giornate intense fino a sera, però riesco a scaricare bene con gli allenamenti e quindi raggiungo un buon riposo fisico. Cena con carbo-load come previsto, tatuaggi col il numero, vado a letto abbastanza tranquillo, il sonno con calma piano piano arriva… e poi arriva anche il momento della competizione vera e propria, prima di tutto con se stessi. Quella gara che uno aspetta da una vita. Questo è il racconto di Alessandro Circelli, classe 1981, fiorentino di nascita, romagnolo d'adozione, medico anestesista rianimatore al "Bufalini" di Cesena, coniugato, due figli.