Dalla Chiesa

Oltra a ciò, si aggiunge una bella notizia per i circa 2 mila giovani che sono stati scelti per l’occasione e che in questi mesi hanno già iniziato a lavorare e a confrontarsi dalle proprie case attraverso i mezzi tecnologici: il pontefice ha assicurato la sua partecipazione online per l’incontro di novembre, ma ha anche comunicato che l’evento in presenza si terrà nel 2021 “quando la pandemia sarà finita e le condizioni permetteranno di assicurare la partecipazione di tutti”

Ricevendo in udienza una delegazione che ha lavorato alla pubblicazione del volume guidata dal cardinale presidente Gualtiero Bassetti, il Pontefice ha ringraziato per il dono ricevuto sottolineando l’importanza del lavoro svolto e la continuità nell’applicazione del Concilio. Diventerà obbligatorio dalla Domenica di Pasqua 2021

"Si tratta di capire chi è per noi Cristo: se Lui è il centro della nostra vita, se Lui è il fine di ogni nostro impegno nella Chiesa, del nostro impegno nella società”, ha detto Bergoglio. "Il Signore ci chiederà conto di tutti i migranti caduti nei viaggi della speranza. Sono stati vittime della cultura dello scarto”

Lo scopo dell’iniziativa è quello di individuare “efficaci risposte” per una necessaria “operazione culturale di sensibilizzazione delle coscienze”. Francesco auspica anche che i santuari mariani diventino sempre più “cittadelle della preghiera, centri di azione del Vangelo, luoghi di conversioni, caposaldi di pietà mariana”

Il Pontefice ha indicato “un criterio-chiave di autenticità cristiana”: “I seguaci di Gesù si riconoscono dalla loro vicinanza ai poveri, ai piccoli, ai malati e ai carcerati, agli esclusi e ai dimenticati, a chi è privo del cibo e dei vestiti. È la missione di tutta la Chiesa. Porre le periferie al centro e gli ultimi al primo posto”