Opinioni

stampa

Commenti e opinioni dal settimanale

Il pediatra di famiglia è il più idoneo a valutare l’adeguatezza parentale, la depressione materna, i bassi livelli di calore e sostegno genitoriale, il rifiuto e l’ostilità materna, tutti fattori che influenzano lo sviluppo psicosociale del bambino e sono associati a depressione infantile e adolescenziale. A loro è dedicata una serie di incontri formativi, giunta al secondo anno.

Il giorno del prematuro è stato istituito nel 2008 dall’European foundation for the care of newborn infants e ricorre annualmente con lo scopo di accrescere in tutti la consapevolezza delle dimensioni della nascita pretermine e di quanto impegnativa sia per il neonato e i suoi cari, la sfida di affrontare all’inizio della vita, il difficile periodo della terapia intensiva e i tempi successivi della crescita.

L’erezione del Muro di Berlino è stato, a mio parere, il passo falso di un impero che si credeva vincente e incrollabile. E pensare che il suo nome ufficiale era “Antifaschistischer Schutzwall”, ossia barriera di difesa antifascista.

Tutti gli anni, verso la fine di ottobre, durante la preghiera di esorcismo, il diavolo (tramite la persona caduta in trance) racconta le sue avventure con Halloween. Mi rendo conto che molte persone non credono a quanto affermerò ma, per amore alla verità e al ministero di esorcista che svolgo a Sarsina, non posso tacere.

Dopo i ripetuti interventi sulla delicata questione che sta appassionando non pochi a Cesena, torniamo sulle vicende legate alla gestione della biblioteca. E lo facciamo con Claudio Riva, direttore dell’archivio diocesano. Il professore, da anni, fa sentire il suo parere critico sulle scelte che, a suo parere, hanno comportato una riduzione del servizio e della qualità.

L’appuntamento della Giornata diocesana è per le 17 di sabato 14 settembre all’istituto Lugaresi di Cesena. Si parlerà di api.

I musei ecclesiastici per il pontefice "rappresentano il volto della Chiesa, la sua fecondità artistica e artigianale, la sua vocazione a comunicare un messaggio che è Buona Notizia. Un messaggio non per pochi eletti, ma per tutti. Tutti hanno diritto alla cultura bella. Specie i più poveri e gli ultimi, che ne debbono godere come dono di Dio".

Si è passati da un atteggiamento euroscettico a una volontà mediaticamente imposta di distruzione della “grande casa comune”.

Non meraviglia se un filosofo come Benedetto Croce ha scritto nel 1942 un saggio filosofico “Perché non possiamo non dirci cristiani”, sostenendo che il Cristianesimo ha operato la più grande rivoluzione morale conferendo risalto a una nuova virtù, a una qualità spirituale che fino allora mancava all’umanità.

Ha prevalso un pragmatismo efficientistico, occorre recuperare ideali e valori nativi.