Editoriale

stampa

L'editoriale della settimana

Trovare un bandolo, in questo bailamme che popola le nostre giornate, non è semplice. I più ci provano, come l’esperienza di ognuno di noi può confermare. Quali insegnamenti cogliere da queste settimane così buie, con le strade deserte, le fabbriche ferme, le saracinesche abbassate, i bar e i ristoranti chiusi?

C’è ancora una speranza, uno spiraglio in quel pertugio cui tutti vogliamo tendere. Lo si vede nel lavoro incessante di quanti, tra medici, infermieri, tecnici e volontari, si prodigano per troppe ora al giorno

Ora è il momento della responsabilità personale e della solidarietà, proprio come accade quando un Paese viene attaccato

Non è bello sentirsi dare dell’untore… Sì, perché adesso gli untori siamo noi

È l’ora della responsabilità. Anche per noi. Soprattutto per noi che siamo chiamati a produrre notizie. Una parola fuori luogo può procurare enormi danni.

Se non si fanno figli è soprattutto perché non si vuole ridimensionare tenore di vita, abitudini e comodità. I figli costano e obbligano eterni Peter Pan a uscire dal loro egoismo

È assai lampante che il clima non stia solo cambiando, ma è ormai del tutto modificato. Vogliamo continuare a negarlo?

Coronavirus, c’è da sperare che il diffondersi della psicosi - che non ha nulla a che vedere con le sacrosante misure di prudenza e di prevenzione da mettere in atto a tutti i livelli - non produca un’escalation.

Possiamo dire che questa volta l’insulto non ha pagato. I toni da bar dello sport, troppo spesso usati da molti protagonisti, sono alla fine risultati controproducenti. Il movimento delle Sardine poi ha fatto il resto. Un resto di non poco conto, visto che sembra sia stato in grado di mobilitare tanti elettori che magari si sarebbero astenuti

Le Regionali non hanno molto appeal, nonostante il grande battage di una campagna che ha visto in campo tutti i maggiori leader politici nazionali. Le votazioni per l'Emilia Romagna, e si terranno anche in Calabria, sono state trasformate in una sorta di referendum pro o contro l'attuale governo giallo-rosso