Editoriale

stampa

L'editoriale della settimana

Per tutti c’è una riforma costituzionale da confermare o respingere, per molti ci sono presidenti di Regione e sindaci da eleggere: la tornata è carica di motivazioni importanti e non si vede perché debba essere a tutti i costi gravata di ulteriori significati

Il virus c’è e con esso occorre imparare a convivere. Inutile negarlo, ma i bambini e i ragazzi meritano ancora più attenzioni. No ai cavilli, alle esasperazioni e alle interpretazioni in burocratese per evitare i problemi. Sì alla passione educativa che metta al centro chi ci sta davanti

Col mese di settembre la quotidianità ricerca il suo standard. Quest’anno lo si vorrebbe anche con maggiore forza.

La responsabilità, cui si fa continuo riferimento, senza una chiara consapevolezza di sé e di appartenenza a una storia più ampia rischia di smarrirsi sulla strada delle buone intenzioni

Visti i ritmi cui siamo abituati a lavorare, tutti quanti, la necessità di dedicarsi ad altro diventa una esigenza irrinunciabile. Non per estraniarsi dalla vita ordinaria, ma per liberare la mente dalle solite preoccupazioni e tenerla impegnata con attività in altri momenti impraticabili. No, quindi, all’ozio. Sì, invece, al tempo impegnato

Con un crollo delle nascite del 4,5 per cento rispetto all’anno precedente, ci siamo posizionati al punto più basso in assoluto dall’Unità d’Italia a oggi. Poco più di 420 mila bambini, con una diminuzione di oltre 19 mila unità, cui si sommano oltre 182 mila cancellazioni di cittadini trasferitisi all’estero

Non è un obbligo per una Diocesi avere un giornale. E neppure una tv, una radio e una presenza online. Rappresenta di certo una enorme possibilità. I mass media sono una frontiera. Permettono di arrivare dove spesso la parola della Chiesa, e dei suoi pastori, non arriva

Siamo alle solite, Calimero. Così recitava un vecchio spot ai tempi di Carosello. Calza a pennello questo refrain per le vicende che anche in questi primi torridi giorni dell’estate 2020 stanno scuotendo il governo Conte 2

È il momento di investire, senza tentennamenti, puntando sui giovani. È ora anche di semplificare la macchina pubblica, rendendola più snella, meno farraginosa, a servizio di tutti

Tanta gente martedì mattina, in piazza della Libertà, a Cesena, per il funerale del vescovo Lino deceduto venerdì scorso. Ha presieduto la liturgia funebre il vescovo Douglas